Festivaldisanremo.com - Il sito Indipendente sul Festival di Sanremo dal 1998 - VII edizione - Sanremo 2005
Il Regolamento
della 55ª edizione

Le 5 Categorie
del Festival 2005

  • Martedì 1
    Marzo 2005
  • Prima serata:
    i dati d'ascolto
  • La diretta
  • Mercoledì 2
    Marzo 2005
  • Seconda serata:
    i dati d'ascolto
  • La diretta
  • Giovedì 3
    Marzo 2005
  • Terza serata:
    i dati d'ascolto
  • La diretta
  • Venerdì 4
    Marzo 2005
  • Quarta serata:
    i dati d'ascolto
  • La diretta
  • Sabato 5
    Marzo 2005
  • Serata Finale:
    i dati d'ascolto
  • La diretta
  • Albo d'oro e Classifiche

    Le 32 canzoni del 2005
    Peppino di Capri 

    E' l'uomo dei record. 15 Festival di Sanremo. Nessuno come lui.

    Peppino di Capri 


    L'imperatore

    2005 - 3 classificata (categoria Classic) 
    La panchina   Peppino di Capri
    ( Depsa  - Dicapri - Piccinelli)
    Milva resta a 14 festival. Peppino di Capri sorpassa. E' l'unico della sua generazione che sia riuscito a tenere lo stesso ritmo per oltre quarant'anni. Vincendo il festival due volte, una a sorpresa.

    Era già un divo all'inizio degli anni '60. Lo vediamo, ritroso, fare lo gnorri a una domanda impertinente, quasi un cameo nel flm di Pier Paolo Pasolini "Comizi d'Amore".

    Quando aveva iniziato a cantare, i puristi storcono le labbra di fronte a questo pianista da night che canta come se avesse una molletta da bucato piantata sul naso. E lui invece t'infila una serie di successoni. Porta in Italia Let's twist again, la clona e la fa diventare l'altro tormentone Saint Tropez Twist. Potrebbe continuare così, e oggi sarebbe tra quelli che Maurizio Costanzo rianima periodicamente a Buona Domenica. Invece no. La prima svolta all'inizio degli anni '70.

    Peppino reinventa completamente il suo repertorio, sposa una canzone melodica, vince il Festival nel 1973 con Un grande amore e niente più, composizione di stile melodico-situazionista, con un occhio a Mogol-Battisti, la location di Questo piccolo grande amore e la prima e unica vittoria di Franco Califano come autore.

    Sono anni di ottimo successo per Peppino di Capri, che vive una seconda giovinezza come interprete melodico, anche se il suo più grande successo, la canzone tormentone, quella che resterà sull'Arca di Noè è Champagne, che ovviamente non viene bruciata al festival, ma regalata alla più appagante -all' epoca- Canzonissima.

    Passano tre anni, il Festival affronta il suo medioevo. Collegamento solo per la serata finale, boicottaggio delle etichette discografiche, l'edizione del 1975, la Ragazza del Sud. Nel 1976, Peppino ritorna, e vince a sorpresa l'ultimo festival in bianco e nero, l'ultimo dal Casinò.

    Ancora più inquietante la canzone, ove Peppino di Capri, ormai trentasettenne una giovanissima e assiste al suo primo e imbarazzato spogliarello. Ma ve lo immaginate Peppino di Capri seduto su uno sgabello al buio davanti a una diciottenne di Secondigliano che si toglie la scialle della mamma e la camicia di velluto, mentre una perla di sudore dal tuo viso scende giù?

    La delicata morbosità del Peppino è fortunatamente in sincronia con gli stilemi del festival 1976 che ci regalano vagoni di amori adolescenziali, adulti, sofferti e sudaticci. Vince, lasciando al palo Wess, Dori Ghezzi, gli Occhi verdi di tua madre e Toto Cutugno.

    Ci riprova, nel 1980, raccontando di quella volta che dette un passaggio in auto a una ragazza in un giorno di sciopero e divenne seppur brevemente il suo amante. Si sforza di parlare da giovane (Tu...cioè, si chiama la canzone), di citare Io vorrei...non vorrei...ma se vuoi nell'apertura del ritornello, ma niente, non è più tempo per queste lolitelle da Alberto Lattuada. E poi il Peppino ha compiuto i quaranta, e rimorchiare minorenni non sta più bene.

    I vent'anni successivi non aggiungono e non tolgono niente alla carriera di Di Capri, che partecipa a ben nove festival di Sanremo tentando diverse strade, dalla canzone napoletana, alla lambada, alla canzone di Toto Cutugno, alla classica composizione chitarra e mandolino. Ogni cinque anni, poi, grandi feste per i trente, trentacinque, quarant'anni di carriera.

    L'ultima partecipazione di Peppino di Capri al Festival come solista risale al 1993, con una canzone-necrologio che celebrava i cadaveri eccellenti di Elvis, John Lennon e Freddy Mercury. Peppino di Capri che canta la morte di Freddy Mercury era troppo. Le telecamere indulgono su alcuni signori della platea che si passano discretamente la mano tra i pantaloni in un indebito scongiuro. Peppino viene prima eliminato, poi massacrato al Dopofestival. Per meritarselo se lo merita, ma ci resta malissimo lo stesso.

    Torna a Sanremo nel 1995, per una comparsata un po' scherzo, un po' autocelebrazione con Gigi Proietti e Stefano Palatresi. Ma che ne sai se non hai fatto il piano bar?, si chiamava, e evocava atmosfere d'altri tempi (ma Peppino di Capri più che nei piano bar suonava nei night).

    Poi gira il mondo, tiene concerti in Giappone, in Brasile, il 31 dicembre 1999 andarlo a vedere all'Hotel de Paris di Montecarlo costava 1.650.000 lire champagne escluso. Ma non è pago, e quando qualche anno fa vide Tom Jones spopolare con Sex Bomb, più vecchio di lui, medita un'ultima svolta artistica. E così, doppiata la boa dei sessanta, solo nel 2001 provò a reinventarsi cantante moderno, abbandonando la tintura alla Paolo Limiti e presentandosi con i percussionisti come Zucchero nel 1985 e Eduardo de Crescenzo nel 1991.

    QUESTO NON E'IL SITO UFFICIALE DEL FESTIVAL! I SITI UFFICIALI DEI TITOLARI E ORGANIZZATORI DEL FESTIVAL SONO:
    » Il Comune di San Remo
    » Accademia di San Remo
    » RAI - Radio Televisione Italiana
    » 55° Festival - sito ufficiale

    » Retrospettiva 1976
    » FAQ - Domande e risposte
    » L'errore blu di "Sorrisi"
    » Archivio News 2005
    Le 5 Categorie: Classic | Donne | Uomini | Gruppi | Giovani
    Le classifiche pubblicate sul sito sono definitive, dopo la V serata.


    “ E venne il tempo e disse stasera gli faccio un favore ”

    Trama della canzone
    Piccola storiella metropolitana post rodariana. Un anziano signore muore su una panchina ma prima di morire rivede tutta la propria vita in un attimo.


    SABATO 5 MARZO

    VENERDI'4 MARZO

    GIOVEDI'3 MARZO

    MERCOLEDI'2 MARZO

    MARTEDI'1 MARZO

    VERSO SANREMO 2005

    • PERCHE' SANREMO E' SANREMO
    La vera sigla del festival. E il suo significato. ...leggi
    • NON PUNTATE SU DI NOI
    Niente scommesse sul Festival di Sanremo, chiedono i cantanti. ...leggi
    • INTERVISTA COL PIRATA
    Questo criminale che scarica files. ...leggi
    • NESSUN RISCHIO PER PAOLA E CHIARA
    Forse 30 secondi in rete. Ma troppo tardi ...leggi
    • C. COME CAROSELLO
    Il ritorno dell'uomo in ammollo e altri sintomi di metatelevisione. ...leggi gli eventuali abbinamenti del venerdì.
    • VINCITORE ANNUNCIATO?
    Chi è arrivato a Sanremo Papa e ne è uscito cardinale ...leggi
    • S. COME SIGLA
    E, in subordine, I come Italia ...leggi
    • LE CATEGORIE
    Le 5 categorie di Sanremo 2005 ...leggi
    • IL REGOLAMENTO
    Il regolamento di Sanremo 2005. ...leggi
    • PRONOSTICI: I FAVORITI DI GENNAIO
    Era gara a due fin dall'inizio. ...leggi
    • SIGNORI, BIGLIETTI
    5 Gennaio 2005 - Costa 1.200 euro l'abbonamento al Festival. Eeh!?! E niente prevendita online, al massimo via fax. Come gli uffici governativi in India. Dal 10 Gennaio. ...leggi su rai.it

    CURIOSITA' E RETROSPETTIVE

    • DIVORZISTA O ANTIDIVORZISTA
    1974: Iva Zanicchi e la crisi della famiglia. ...leggi
    • 1975: IL TRENTENNALE
    Del 1975, l'anno zero, il Sanremo rimosso. ...leggi
    • SANREMO 1976: UNA RETROSPETTIVA
    Uno sguardo antologico ai capolavori perduti del Festival 1976, l'edizione più erotica, più dimenticata, più nascosta, più hard della storia del Festival di Sanremo! ...leggi
    • IL MISTERO DELLE CLASSIFICHE
    Persi nella storia i risultati completi di almeno sei festival. ...continua
    • I DIRITTI NEGATI DELLE DONNE SALENTINE
    Dolcenera e Cinzia Corrado: vincitrici tra i giovani e mai invitate tra i big. ...continua

    ORMAI E' UN CLASSICO!

    Il salvaschermo di Sanremo 1968
    Toto CutugnoAnnalisa Minetti 1.  CLASSIC  /  Toto Cutugno  e Annalisa Minetti
    Duetto in diretta da un'Italia che non c'è più
    I reduci
    Ce lo ricordiamo, Toto Cutugno, l'eterno secondo dei Festival degli anni '80. Cinque secondi posti, quattro consecutivi, non male per chi nel 1979 aveva chiamato la propria etichetta Number Two. E tutti a dargli addosso, alle sue canzoncine semplici e ruf ...leggi »
    Duetto in diretta da un'Italia che non c'è più
    I reduci
    Ce lo ricordiamo, Toto Cutugno, l'eterno secondo dei Festival degli anni '80. Cinque secondi posti, quattro consecutivi, non male per chi nel 1979 aveva chiamato la propria etichetta Number Two. E tutti a dargli addosso, alle sue canzoncine semplici e ruf ...leggi »

    Marcella Bella  2.  CLASSIC  /  Marcella Bella
    Nessun interprete siciliano ha mai vinto il Festival. Mai dire mai.
    Ragazza del sud
    Mimmo Modugno era pugliese, Jenny B. di Reggio Emilia, nonostante il luogo di Nascita. Salvo lo scomparso Matia Bazar Aldo Stellita, la Sicilia è assente dall'Albo d'oro degli interpreti vincitori del Festival. Sarà Marcella a sfatare l'incantesimo che ne ...leggi »
    Nessun interprete siciliano ha mai vinto il Festival. Mai dire mai.
    Ragazza del sud
    Mimmo Modugno era pugliese, Jenny B. di Reggio Emilia, nonostante il luogo di Nascita. Salvo lo scomparso Matia Bazar Aldo Stellita, la Sicilia è assente dall'Albo d'oro degli interpreti vincitori del Festival. Sarà Marcella a sfatare l'incantesimo che ne ...leggi »

    Nicola Arigliano  4.  CLASSIC  /  Nicola Arigliano
    Ci racconta come fosse leggero, tutto sommato, il Novecento.
    L'uomo di ieri
    No, non si tratta del Freddy Kruger invecchiato, ma di Nicola Arigliano, una faccia spesa per il digestivo Antonetto, quando ai Jazzisti non restava altro che fare Caroselli. Un passista della canzone, che raccontino mangi sette spicchi d'aglio al giorno, ...leggi »
    Ci racconta come fosse leggero, tutto sommato, il Novecento.
    L'uomo di ieri
    No, non si tratta del Freddy Kruger invecchiato, ma di Nicola Arigliano, una faccia spesa per il digestivo Antonetto, quando ai Jazzisti non restava altro che fare Caroselli. Un passista della canzone, che raccontino mangi sette spicchi d'aglio al giorno, ...leggi »

    Franco Califano  5.  CLASSIC  /  Franco Califano
    Un tranquillo Jack Nicholson, senza ambizioni di classifica.
    Premio alla carriera
    Il ventunesimo secolo segna il ritorno al successo del Califfo, che la fin du siècle aveva visto la sua stella appannarsi. Sia Miguel Bosé che Pippo Baudo, nel 1988 e nel 1994, lo presentarono come "Poeta Maledetto, Maledetto Poeta". Tenta la carta della ...leggi »
    Un tranquillo Jack Nicholson, senza ambizioni di classifica.
    Premio alla carriera
    Il ventunesimo secolo segna il ritorno al successo del Califfo, che la fin du siècle aveva visto la sua stella appannarsi. Sia Miguel Bosé che Pippo Baudo, nel 1988 e nel 1994, lo presentarono come "Poeta Maledetto, Maledetto Poeta". Tenta la carta della ...leggi »

    Altri siti sul Festival di Sanremo
    IL SITO DELLA RAI
    Il sito della RAI. Appena rinnovato dopo anni, ci sono i video di tutte le esibizioni.
    SORRISI E CANZONI TV
    Ricco come ovvio di pubblicità, ogni anno è il primo sito con i testi delle canzoni.
    IL BLOG DEL FESTIVAL
    Il blog Perchè Sanremo è Sanremo. Intelligente e ben frequentato.
    SANREMOSTORY
    Capofila di tutti i siti indipendenti sul Festival. Ci sono (quasi) tutti i testi.
    HITPARADEITALIA
    Gigantesco archivio statistico sulla musica leggera Italiana. Da passarci interi pomeriggi.
    LINKSANREMO
    Nasce come spin-off di un portale dei "Papa-boys": ci sono interviste e notizie aggiornate.
    SANREMONLINE.TV
    Sito "non ufficiale" di una radio reggiana di stanza in riviera. Buono e utile lavoro di redazione.
    Festivaldisanremo.it
    Era il nostro ingresso di riserva (leggi), poi l'abbiamo ceduto al Comune di Sanremo. E da ottobre così langue.
    Tutto il materiale di questo sito è di proprietà dei rispettivi autori. Il materiale iconografico è presente al solo scopo documentale previa citazione della fonte. Festivaldisanremo.com è dal 29.10.1998 un sito INDIPENDENTE, non ufficiale, non a scopo di lucro e non associato alla manifestazione nè alla RAI in alcun modo. Festivaldisanremo.com trasmette da un server che si trova a Columbus, Ohio, USA, ed sono soggetti alle leggi dello Stato dell'Ohio, USA, in quanto compatibili con le giurisdizioni nazionali. Ove non diversamente specificato, © 1998-2005 Eddy Anselmi Festivaldisanremo.com WondersNeverCease
    [cc] Creative Commons License - Some Rights Reserved
    This work is licensed under a Creative Commons License.
    INFORMATIVA nel rispetto della (a nostro parere insulsissima) Legge Italiana (c.d. Legge Urbani), venisse in mente a qualcuno di invocarla - Nel rispetto dell'art. 1, D.L. 72/2004, si avvisa che, in relazione all'utilizzazione del presente contributo, sono stati assolti tutti gli obblighi derivanti dalla l. n. 633/1941, la sua pubblicazione a titolo gratuito essendo autorizzata direttamente dall'autore. In ogni caso si avverte che la riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico dell'opera (si definisce come "opera" l'insieme degli articoli e delle raccolte dati presenti nel sito), in difetto di autorizzazione dell'autore, costituisce violazione della legge, perseguita, a seconda dei casi, con la reclusione fino a quattro anni e con la multa fino a 15'493,70 euro. Il presente avviso è apposto ai sensi e per gli effetti delle disposizioni contenute nell’art. 1, comma 1, della Legge 21 maggio 2004, n. 128, Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, recante interventi per contrastare la diffusione telematica abusiva di opere dell’ingegno, nonchè a sostegno delle attività cinematografiche e dello spettacolo, fino all’adozione del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con il Ministro delle comunicazioni, ivi previsto. Ciò nonostante, l'autore espressamente autorizza la riproduzione, la diffusione e l'uso anche non personale dei contributi originali, con ogni mezzo e su qualsivoglia supporto. La presente informativa, visualizzata in caratteri di corpo non inferiore a quello del testo dell'opera (il colore se lo sono scordati), in calce alla stessa, è parte integrante ed inscindibile dell'opera e la sua rimozione o la riduzione del carattere saranno ad ogni effetto considerati come violazione dei diritti dell'autore e come tali perseguibili a norma di legge. Resta libera, a norma dell'art. 70 l. n. 633/1941, la citazione delle opere a scopo scientifico e la sua riproduzione, anche parziale, ad uso didattico, e potrei continuare dicendo anche delle parolacce, tanto questo elenco del c***zo non lo leggerà un c***zo di nessuno, cacca, piscio, pus e formaggella. I Masai! Là fuori ci sono i Masai incazzati e qui dentro tutti urlano. Ah, sito a carattere non periodico. Tiè.