Festivaldisanremo.com - Il sito Indipendente sul Festival di Sanremo dal 1998 - VII edizione - Sanremo 2005
Il Regolamento
della 55ª edizione

Le 5 Categorie
del Festival 2005

  • Martedì 1
    Marzo 2005
  • Prima serata:
    i dati d'ascolto
  • La diretta
  • Mercoledì 2
    Marzo 2005
  • Seconda serata:
    i dati d'ascolto
  • La diretta
  • Giovedì 3
    Marzo 2005
  • Terza serata:
    i dati d'ascolto
  • La diretta
  • Venerdì 4
    Marzo 2005
  • Quarta serata:
    i dati d'ascolto
  • La diretta
  • Sabato 5
    Marzo 2005
  • Serata Finale:
    i dati d'ascolto
  • La diretta
  • Albo d'oro e Classifiche

    Le 32 canzoni del 2005

    FIUMI DI PAROLE E DI PAROLONI

    Sanremo è davvero un presepe: oltre il significato del festival: patrono d'Italia, rito sacrificale o cosmogonia oltre la metafisica?

    Perchè Sanremo è "Sanremo"?

    Ovvero perchè una manifestazione canora di medio livello, incapace di rappresentare una percentuale rilevante del fatturato delle majors ha assunto un'importanza che trascende il solo dato economico. Sta nell'esegesi di una vecchia sigla del Festival, ormai riconosciuta dai più come la sigla del Festival, e allora che sia quella, che sia il legato perpetuo di Pippo Baudo al festival e non parliamone più. NB. La canzone "Perchè Sanremo è Sanremo" sta in un CD della compilation SUPERSANREMO '95. Si trova saltuariamente in vendita su ebay

    Scrivemmo che Se le culture anglosassoni trovano l'alfa e l'omega della condizione umana nell'opera di Shakespeare, se alle superiori ci spiegano che tutti i sensi della vita sono sistemati da qualche parte in Dante, Manzoni o Omero, da qui si dice che anche nel Festival di Sanremo - non prendeteci per pazzi - si manifesta il favoloso teatrino della vita.

    Abbiamo scritto spesso che Sanremo è come un presepe dove L'asino è sempre l'asino, il bue è sempre il bue, Gerardina Trovato era Joan Baez, Giorgio Faletti era Bertold Brecht, Morandi non invecchia mai, i non vedenti commuovono le giurie e Toto Cutugno arriva secondo. Può essere rassicurante, ma non è -se non in parte- vero.

    E sappiamo da sempre che il Festival di Sanremo annuncia -specie da quando è a fine febbraio inizio marzo- è amche un evento che segna il cambio di stagione. Se poi arriva anche tutto un sapore di canzoni nuove, quello sarà un eccezionale modo di ricordare quell'anno. Diciamo poi che ogni anno il Festival di Sanremo dovrebbe essere una sorta di celebrazione liturgica del meglio che la musica Italiana offra. Manifestazioni come l'MTV Day, il Premio Tenco, il festival della Musica di Recanati, il Meeting delle etichette indipendenti, Arezzo Wave, il Concerto del 1° Maggio a piazza San Giovanni, addirittura gli MTV Music Awards sono molto più rappresentativi, se ne convenga. Da un lato in prospettiva non giova che in famiglia l'unica vera fanatica del Festival sia la nonna. Dall'altro, sa di occasione mancata che, nei giorni in cui tutto il paese guarda un palco e voglia sentire nuove canzoni, queste canzoni gliele provi a dare (non ce ne voglia) Christian Lo Zito.

    Comunque, a metterle tutte in fila, le sue edizioni e le sue canzoni, il festival di Sanremo si ritrova testimonianza del paese (o della patria, chiamala come vuoi) che cambia. Così è, almeno, per noi, che anzi ci diamo da fare perchè sopravvivano letture alternative (e si veda il recupero della medievistica festivaliera che stiamo operando sulle pagine di festivaldisanremo.com). Perchè Sanremo sia Sanremo resta un dubbio.

    Sembrano pensarci anche Michele Serra su Repubblica e Edoardo Camurri sul Riformista. Il primo, evocando la corrida o, l'incendio del vecchione, suggerisce che sanremo sia un rituale di primavera simile alla festa del fuoco della Persia di Zoroastro, o una Festa di San Firmín mediatica dove alla fine il Festival è altare e vittima del rito.

    Edoardo Camurri, invece, ritrova nel Festival addirittura elementi mistici e cabalistici, sistemandoli come una scacchiera sotto le pedine che compongono il festival e reinterpretando Sanremo come fosse una vera rappresentazione sacra.

    Dimenticandosi comunque un po' tutti delle magie dell'antica Matuzia, dove vissero Italo Calvino e Alfred Nobel, dove si incontravano i miliardari russi e i neoborghesi di Milano e Torino, e dove l'inverno dura solo due mesi all'anno. E che diventa ogni anno capitale d'Italia per una settimana grazie a un festival di musica leggera di enormi potenzialità ma tutto sommato, negli ultimi anni almeno, di caratura mediocre.

    Perchè Sanremo è Sanremo.


    Michele Serra
    Sanremo festa di primavera
    [La Repubblica, 28 febbraio 2005] Tutto questo ci fa capire che Sanremo è un appuntamento ineludibile, a suo modo sacro, neanche inerente la canzone o la televisione, che in fondo sono cose piccole, branche della vita economica, piuttosto inerente il bisogno comunitario di avere qualcosa da sacrificare, ogni anno, tutti insieme, qualcosa da buttare via o uccidere o comunque superare, che chiuda l'inverno e conduca al solstizio, quando ci si illude che tutto possa rinascere. Sanremo è un rogo, una pira, dunque una festa. E l'umiltà con la quale, da più di mezzo secolo, si lascia fare a brani, e addirittura sviscerare dalla ferocia intellettuale, e sputtanare dai critici, e insidiare dall'audience, e compatire dal popolo, e derubare dai ladri, merita la nostra imperitura gratitudine.
    leggilo su REPUBBLICA.IT

    Edoardo Camurri
    Sanremo: la profezia e la patafisica
    [Il Riformista, 26 febbraio 2005] Sanremo va seguito con turiboli e candele accese e, essendo sacro, guai a criticarlo. Non si può avere un’opinione su Sanremo perché Sanremo non si pensa ma è Sanremo a pensarti. Fateci caso, nei giorni del Festival,anche a voler fare altro, si fa solo quello:si è parlati da Sanremo. Dinanzi a Sanremo l’unico atteggiamento possibile è quello taoista: ci si abbandona al suo flusso continuo. Si può tentare con lo stoicismo,ma a spazi ristrettissimi. Ciò che non dipende da Sanremo, durante Sanremo, è pochissimo. Dio assomiglia a Sanremo.
    leggi l'articolo
    QUESTO NON E'IL SITO UFFICIALE DEL FESTIVAL! I SITI UFFICIALI DEI TITOLARI E ORGANIZZATORI DEL FESTIVAL SONO:
    » Il Comune di San Remo
    » Accademia di San Remo
    » RAI - Radio Televisione Italiana
    » 55° Festival - sito ufficiale

    » Retrospettiva 1976
    » FAQ - Domande e risposte
    » L'errore blu di "Sorrisi"
    » Archivio News 2005
    Le 5 Categorie: Classic | Donne | Uomini | Gruppi | Giovani
    Le classifiche pubblicate sul sito sono definitive, dopo la V serata.

    SABATO 5 MARZO

    VENERDI'4 MARZO

    GIOVEDI'3 MARZO

    MERCOLEDI'2 MARZO

    MARTEDI'1 MARZO

    VERSO SANREMO 2005

    • PERCHE' SANREMO E' SANREMO
    La vera sigla del festival. E il suo significato. ...leggi
    • NON PUNTATE SU DI NOI
    Niente scommesse sul Festival di Sanremo, chiedono i cantanti. ...leggi
    • INTERVISTA COL PIRATA
    Questo criminale che scarica files. ...leggi
    • NESSUN RISCHIO PER PAOLA E CHIARA
    Forse 30 secondi in rete. Ma troppo tardi ...leggi
    • C. COME CAROSELLO
    Il ritorno dell'uomo in ammollo e altri sintomi di metatelevisione. ...leggi gli eventuali abbinamenti del venerdì.
    • VINCITORE ANNUNCIATO?
    Chi è arrivato a Sanremo Papa e ne è uscito cardinale ...leggi
    • S. COME SIGLA
    E, in subordine, I come Italia ...leggi
    • LE CATEGORIE
    Le 5 categorie di Sanremo 2005 ...leggi
    • IL REGOLAMENTO
    Il regolamento di Sanremo 2005. ...leggi
    • PRONOSTICI: I FAVORITI DI GENNAIO
    Era gara a due fin dall'inizio. ...leggi
    • SIGNORI, BIGLIETTI
    5 Gennaio 2005 - Costa 1.200 euro l'abbonamento al Festival. Eeh!?! E niente prevendita online, al massimo via fax. Come gli uffici governativi in India. Dal 10 Gennaio. ...leggi su rai.it

    CURIOSITA' E RETROSPETTIVE

    • DIVORZISTA O ANTIDIVORZISTA
    1974: Iva Zanicchi e la crisi della famiglia. ...leggi
    • 1975: IL TRENTENNALE
    Del 1975, l'anno zero, il Sanremo rimosso. ...leggi
    • SANREMO 1976: UNA RETROSPETTIVA
    Uno sguardo antologico ai capolavori perduti del Festival 1976, l'edizione più erotica, più dimenticata, più nascosta, più hard della storia del Festival di Sanremo! ...leggi
    • IL MISTERO DELLE CLASSIFICHE
    Persi nella storia i risultati completi di almeno sei festival. ...continua
    • I DIRITTI NEGATI DELLE DONNE SALENTINE
    Dolcenera e Cinzia Corrado: vincitrici tra i giovani e mai invitate tra i big. ...continua

    ORMAI E' UN CLASSICO!

    Il salvaschermo di Sanremo 1968
    Tutto il materiale di questo sito è di proprietà dei rispettivi autori. Il materiale iconografico è presente al solo scopo documentale previa citazione della fonte. Festivaldisanremo.com è dal 29.10.1998 un sito INDIPENDENTE, non ufficiale, non a scopo di lucro e non associato alla manifestazione nè alla RAI in alcun modo. Festivaldisanremo.com trasmette da un server che si trova a Columbus, Ohio, USA, ed sono soggetti alle leggi dello Stato dell'Ohio, USA, in quanto compatibili con le giurisdizioni nazionali. Ove non diversamente specificato, © 1998-2005 Eddy Anselmi Festivaldisanremo.com WondersNeverCease
    [cc] Creative Commons License - Some Rights Reserved
    This work is licensed under a Creative Commons License.
    INFORMATIVA nel rispetto della (a nostro parere insulsissima) Legge Italiana (c.d. Legge Urbani), venisse in mente a qualcuno di invocarla - Nel rispetto dell'art. 1, D.L. 72/2004, si avvisa che, in relazione all'utilizzazione del presente contributo, sono stati assolti tutti gli obblighi derivanti dalla l. n. 633/1941, la sua pubblicazione a titolo gratuito essendo autorizzata direttamente dall'autore. In ogni caso si avverte che la riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico dell'opera (si definisce come "opera" l'insieme degli articoli e delle raccolte dati presenti nel sito), in difetto di autorizzazione dell'autore, costituisce violazione della legge, perseguita, a seconda dei casi, con la reclusione fino a quattro anni e con la multa fino a 15'493,70 euro. Il presente avviso è apposto ai sensi e per gli effetti delle disposizioni contenute nell’art. 1, comma 1, della Legge 21 maggio 2004, n. 128, Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, recante interventi per contrastare la diffusione telematica abusiva di opere dell’ingegno, nonchè a sostegno delle attività cinematografiche e dello spettacolo, fino all’adozione del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con il Ministro delle comunicazioni, ivi previsto. Ciò nonostante, l'autore espressamente autorizza la riproduzione, la diffusione e l'uso anche non personale dei contributi originali, con ogni mezzo e su qualsivoglia supporto. La presente informativa, visualizzata in caratteri di corpo non inferiore a quello del testo dell'opera (il colore se lo sono scordati), in calce alla stessa, è parte integrante ed inscindibile dell'opera e la sua rimozione o la riduzione del carattere saranno ad ogni effetto considerati come violazione dei diritti dell'autore e come tali perseguibili a norma di legge. Resta libera, a norma dell'art. 70 l. n. 633/1941, la citazione delle opere a scopo scientifico e la sua riproduzione, anche parziale, ad uso didattico, e potrei continuare dicendo anche delle parolacce, tanto questo elenco del c***zo non lo leggerà un c***zo di nessuno, cacca, piscio, pus e formaggella. I Masai! Là fuori ci sono i Masai incazzati e qui dentro tutti urlano. Ah, sito a carattere non periodico. Tiè.