Giovedì 2 marzo 2006

Segui il festival in diretta su festivaldisanremo.com

Sanremo inTempo reale

Ore 1.30. Termina così la terza serata del Festival. Tutto come previsto, ma Ivan Segreto poteva forse farcela. Escono Noa e Carlo Fava, Luca Dirisio (e si sapeva) e, a sorpresa, Spagna. Si può già televotare.

Ore 1.27. Escono i codici dei cantanti. 16477 da telefono fisso, 48404 ogni SMS. 0.60 euro. Via al televoto. Sanremo procede verso la semifinale. La sorpresa è Tiziano Orecchio.

Ore 1.20. Luca Dirisio interpretava "Sparirò". Giustappunto.

Ore 1.15. Categoria uomini. Dirisio è andato a casa come volevasi dimostrare, Rimangono Alex Britti e Zarrillo. Tutti a casa si staranno chiedendo chi sono le persone che emergono nel backstage.

Ore 1.12. Donne: ce l'ha fatta Simona Bencini, allo sprint in pieno recupero su Spagna. E' lo sprint delle ragazze toscane, che hanno quella fisicità in più.

Ore 1.07. Panariello chiede l'esame del doping per Pippo Baudo e Bonolis, che arrivare a quest'ora -dice lui- è impossibile senza doping. I Nomadi in semifinale insieme agli Zero Assoluto. Fuori Noa e Carlo Fava, che un regolamento ignobile ha inserito nel girone di ferro di oggi a tutto vantaggio dei Ragazzi di Scampia.

Ore 0.59. Dopo l'informazione governativa, i tre nomi dei Big che abbandonano il Festival. E' passato Tiziano Orecchio.

Ore 0.54. La telecamera ha portato d'ordine nel backstage dell'Ariston, o ha semplicemente spostato il casino da un'altra parte. Sono arrivati i risultati dei giovani. Vanno in semifinale L'Aura, Riccardo Maffoni e Tiziano Orecchio. Tiziano Orecchio? Vanno a casa Ivan Segreto e gli Ameba 4 e passa Tiziano Orecchio?

Ore 0.51. "Quando si mischiano i popoli qualche cosa di bello accade". Lo dice Panariello a prosposito di Shakira all'una meno dieci. Non è aggirare la parcondicio in funzione antileghista, sarebbe grave se qualcuno lo scrivesse.

Ore 0.47. Quello degli ospiti è un discorso a parte. C'è un gruppo che si chiama Arctic Monkeys, ha venduto 350.000 copie in una settimana del loro disco d'esordio, girano l'europa facendo date ovunque, non costavano ancora tanto e avrebbero più senso di Shakira.

Ore 0.46. Abbiamo pazienza, c'è Shakira. Una donna che scrive da sè le canzoni, che canta, balla, piace a Garcia Marquez e ci fa una marchetta in playback. I funzionari della Compagnia delle Indie che ne curano l'immagine nelle colonie devono avere dei bei ganci, se è vero che a Sanremo la ragazza si è già vista.

Ore 0.43. Da metà degli anni '90 in poi, il Festival di Sanremo privilegia interpreti dotati e canzoni mediocri.

Ore 0.38. Una vita di concorsi, e Tiziano Orecchio esce all'una meno venti con la sua "Preda Innocente". Ha un'orsetto di peluche sul palco. Ed esegue in un genere che è l'equivalente di quello che 50 anni fa era "Madonna delle rose" di Oscar Carboni, o "Una donna prega" della Nilla Pizzi.

Ore 0.36. Maria Grazia Cucinotta fa aspettare Tiziano Orecchio, che ci racconta che domani esce Invisible Children, un applauso al Presidente Ciampi. Il film esce domani, fa un po' impressione vedere bambini brasiliani parlare in romanello.

Ore 0.32. Andrea Ori ha una di quelle facce che la cronaca nera di tanto in tanto immortala per questioni di delitti insoluti o di sataniszmo. Immaginate Andrea Ori che fa l'amore con il mare.

Ore 0.31. Con il suo bagaglio di grinta, buona volontà e tante aspettative, "Nel tuo mare", di Andrea Ori. Trama: lui cammina sula spiaggia, la pensa, entra nel mare e si tocca.

Ore 0.26. Di Con un gesto voglio sentire la versione remix. Il batuca di Ivan Segreto echeggia Paul Metheny e Paul Simon. Non nuovissimo ma se sei dotato, meglio che fai queste cose qui che quelle del fenomenissino Gianni Fiorellino. Un fenomeno che la wild-card della Music Farm l'ha bruciata.

Ore 0.23. Ivan Segreto si è fatto tutto il circuito dei cantautori prima di approdare a Sanremo. Il suo pezzo è quello diverso dagli altri, si riconosce.

Ore 0.17. La versione delle medaglie olimpiche di Bella di Jovanotti non ripeterà il successo dei Bambini che fanno oh. Sanremo celebra l'Italia del CONI che vince, che siano riusciti a organizzare un'Olimpiade dietro l'angolo e che siano stati bravi non si può dire. Se Torino 2006 era in Corea questo siparietto era uguale.

Ore 0.05. Saranno pure gli ennesimi Radiohead di casa, Giuseppe Cionfoli meets the Vains, ma gli Ameba 4 fanno un'ottima figura. Mortificati Andrea Ori e Tiziano Orecchio. Panariello si è appena lamentato che suonano a tarda ora, e loro sono preceduti da tutte le medaglie d'oro olimpiche di Torino 2006

Ore 23.55. L’Aura somiglia a Elisa che imita Bjork e a Tori Amos che imita Kate Bush. Mica solo Elisa, come ci scrivono in tanti.

Ore 23.52. Un bravo ragazzo con una rock ballad annegata negli archi. Brutto posto, la pianura padana, vuoi fare Bruce Springsteen e viene fuori che sembri Ligabue. Un nuovo rocker dalla bassa, stavolta bresciana?

Ore 23.47. Ma a che serve avere un campo da basket di videografica se non puoi proiettarci i tuoi cartoni animati meravigliosi Questi Cartoni Animati Meravigliosi

Ore 23.42. Grazie all'abile Beldì. Ma intanto, finalmente L'Aura. Piano conto piano, Rosso contro rosso, E' moooolto più alta di DoceNera, e si deve aggiustare il seggiolino da sola.

Ore 23.29. Dirisio si è vestito da Rupert Evererett nel collegio di Another Country. Tre giorni al Festival gli hanno attenuato la pettinatura da Playmobil. E la celeberrima Father and Son di Cat Stevens echeggia tra le righe, insieme a briciole di di Let it be.

Ore 23.24. Un'effettaccio per Carlo Fava e per Noa, seconda cantante Israeliana al festival dopo Ofra Haza, che interpretò Oggi un Dio non ho nel 1991 per sostenere Raf. Ma un testo così mogoliano-situazionista non puoi sbiascicarlo in ciunghese.

Ore siamo in diretta. Segui la terza serata del Festival di Sanremo 2006 su Festivaldisanremo.com: scrivi a temporeale@festivaldisanremo.com

Ore 23.18. Lacrime di scena per Dolcenera, con il cravattino che le ha regalato Pupo per scaramanzia

Ore 23.11. Dolcenera ha rubato il vestito alle TATU, noto duo teen-lesbico di Mosca. Prende l'idea del com'è e improvvisa variazioni sul tema (Al piano, in pedi, piano pianissimo, forte fortissimo, yeah yeah yeh.)

Ore 23.07. La canzone di Zarrillo non si chiama l'Alfabeto degli animali come dice Victoria, ma l'alfabeto degli amanti . A come Asino, B come Bue, C come Cane, D come Daino, E come Elefante, F come Farfalla. Z come Zarrillo.

Ore 23.02. Terminato il siparietto di Verdone e Muccino, Panariello annuncia la canzone di Zarrillo "La Forza della Musica". No, è Vallesi che cantava "La Forza della Vita". Bella forza.

Ore 22.49. Per essere il Festival della Canzone Italiana, pare ci sia più Musica a Zelig. Nel racconto degli anni 50 reinterpretati da Verdone, si narra di un presentatore-regista come adesso. In realtà le canzoni dei primi Festival le sceglieva uno dei padri del Festival, il Maestro Razzi.

Ore 22.42. Carlo Verdone sul palco dell'Ariston insieme a Giorgio Panariello.

Ore 22.38. Gli Zero Assoluto non saranno i Gorillaz, ma rispetto a quello che c'è in giro a Sanremo 2006 meriterebbero il podio. Canzoncine così suonerebbero meglio incastonate in un Festival più coraggioso.

Ore 22.34. Il gioco si fa duro, ma è sempre bello sentire dire Solws Stchring Kwartat dalla Vanessa Hessler. Prima dei gruppi è drammatico, perchè bisogna montare gli strumenti. Ora Maffucci e De Gasperi, il turutututtu.

Ore 22.29. E così impariamo come la signora Spagna viaggi molto bene in classifica. Ci è arrivata un'accalorata lettera che ci rimprovera di non capire il travaglio di Spagna. No, non lo capiamo, se il repertorio è questo.

Ore 22.24. John Cena ha detto che quello che succede in televisione è uno spettacolo, un'intrattenimento, una finta. E di non farlo a casa. Una dichiarazione eversiva, di questi tempi.

Ore 22.21. La mamma di John Cena è mezza Italiana mezza Francese. Il padre era 100% italiano del sud. Il giardiniere, probabilmente, era svedese.

Ore 22.11. E ora, intervistina di Panariello a John Cena, dove inviteranno i bambini a non fare chiavi articolari al fratellino. A John Cena piace "esibirsi per il popolo Italiano"

Ore 22.08. IN questi tempi di estrema cautela politica, istituzionale e religiosa Pippo Baudo è l'autorità più alta che si può dileggiare in Rai, insieme ai reali di Monaco e alla Regina d'Inghilterra.

Ore 22.06. 25 anni fa, la serata finale ospitava i Dire Straits che presentavano Romeo and Juliet e Tunnel of Love. Mica John Cena che fa finta di fare wrestling con Panariello. Che ci fa un lottatore con la maschera di Baudo.

Ore 22.04. Una canzone sola non è facilissimo. Vero. E se una delle sere del festival fosse un live tipo MTVDay o Concerto dei I Maggio? Intanto, teniamoci il rapper-lottatore John Cena.

Ore 21.54. Il Brittismo risente della marmellata d'archi piazzata sopra la chitarra. Ha una pedaliera di un metro quadro, il britti.

Ore 21.53. Non si capisce perchè il pubblico dovrebbe emozionarsi a sapere che Toni ha fatto alla Cecchetto una sorpresa. Carramba!

Ore 21.52. Marta e Luca, Cecchetto e Toni. Una volta c'erano la debuttante e il soldato, oggi la modella e il calciatore. Quale sarà il modello estetico dei festival di Sanremo 2007?

Ore 21.48. Una geisha? E perchè mai, è un Bonzo. Sarebbe come dire che Panariello si veste da Morticia.

Ore 21.45. Orchestra a parte, i Nomadi suonerebbero con questa perfezione giapponese in qualsiasi dei 150 palchi che li vedono protagonisti. Bestie da live. Enormi magazzinieri di se stessi.

Ore 21.43. E' sempre vestito alla giapponese il piccolo bonzo cantante dei Nomadi. I carpentieri dei palchi. Una vita a montare e smontare strumenti con i bambini nel retropalco.

Ore 21.40. Perchè hanno scelto la pupazzona americana per presentare i gruppi? Perchè così può dire Shughafrhii e Sowlss String Quorhhtat.

Ore 21.36. Victoria rientra sul palco di corsa. Ci sono gli strumenti dei Nomadi da montare e la corsa da fare.

Ore 21.33. La canzone della Bencini è minimamente attuale, ma tra lei e Spagna sarà gara al ribasso. Panariello ce l'ha fatta e fa un po' di campanilismo. Simona Bencini ringrazia e parla già al passato.

Ore 21.30. E' incredibile: siamo linkati dalla Home page di Anna Tatangelo! Si sono sbagliati.

Ore 21.29. Se qualche coraggioso si fosse scaricato la suoneria della Oxa, ci scriva e testimoni cosa si sente.

Ore 21.27. Ilary Blasi da sola sul palco del festival. Una responsabilità enorme e si permette anche di presentare le bonazze. Siamo tornati ai tempi dei figli d'arte. Sfrigola lo schermo.

Ore 21.26. Due ottuagenarie con tanto di ambulanza mettono sciarpine colorate al collo di Pieraccioni e Giorgio Panariello, che si allontanano in bicicletta in un applauso lontanamente felliniano.

Ore 21.22. L'ironia su Anna Oxa è sempre facile facile, ma che bello se tutte le canzoni fossero massacrate come Processo a me stessa

Ore 21.20. Sarà durissima. Ci si prospettano tre giorni di Panariello che interpreta i suoi teneri, ignoti personaggi. Dopo due giorni di Panariello, però, Pieraccioni sembra Benigni.

Ore 21.18. Giorgio Panariello, dopo un paio di giorni di crisi esistenziale e creativa, propone la gara della vita.

Ore 21.17. E' Leonardo Pieraccioni a aprire la terza serata del Festival di Sanremo. Sparare su Anna Oxa son quei 50 punti che di questi tempi fanno sempre comodo.

Ore 19.00. Tutto è pronto per la terza serata del commento del Festival di Sanremo in diretta web su Festivaldisanremo.com. Appuntamento alle 21.10 circa.

leggi... Back / Top

Le canzoni di Sanremo


Le 30 canzoni del 2006

 

La festa mesta di Montesilvano

Il commiato festoso e amaro del gruppo d'ascolto Medio Adriatico

leggi... Chi consegnerà le chiavi della città a Piero Mazzocchetti?

Chi entra in conclave papa

Tutti dicevano Zero Assoluto, ma non è la prima volta

leggi... Un'altra clamorosa sconfitta per chi era in testa a tutti i pronostici della vigilia

L'argento di Al Bano figlio della Tv

Il sistema elettorale sbilanciato a favore del televoto ha rischiato di fare vincere il Festival al cantante pugliese

leggi... Le classifiche parziali mostrano che il televoto pesa ben oltre il 30%

Come potete giudicar

Ci confermiamo il paese che ha imparato a comportarsi al Processo del lunedì

leggi... Qualità e scortesia: l'Italia del 2007 è un paese di permalosi

Il padre nobile

Il brano di Cristicchi e quello di Fabrizio Moro sono debitori di qualcosa alla lezione di Francesco Di Gesù, primo e principale punto d'incontro tra stile hiphop e canzone d'autore

leggi... La lezione di Frankie Hi NRG, vincitore morale del Festival 2007

Essi vivono

Quando i numeri ci dicono che lo spettatore medio di Sanremo ha più di 50 anni e vive in Puglia nessuno si sorprenda se Al Bano è secondo e Mazzocchetti è terzo

leggi... L'Italia profonda premia sempre Al Bano

Il giorno più lungo

La lunga vigilia del gruppo d'ascolto Medio Adriatico

leggi... Piero Mazzocchetti in attesa del biglietto d'ingresso per la Storia

Venti canzoni, come una volta

Dopo la cura dimagrante di Mazzi il sabato sera torna un'orgia di canzoni.

leggi... I dati d'ascolto della serata finale

La signora finale

Venti canzoni per un sabato sera all'insegna dell'adrenalina .

leggi... La scaletta della quinta serata

Duetta che ti passa

Arrivano gli ospiti. In particolare uno.

leggi... Verso la quarta serata

La sfilata delle Geishe

Le pagelle del gruppo d'ascolto medio adriatico

leggi... Una festa di piazza

Democrazia a pagamento

Tutti i numeri del televoto

leggi... Costa più del Totip e non si vince niente

Il bagno di sangue

Record negativo. Sbagliati gli ospiti, non l'idea.

leggi... I dati d'ascolto della quarta serata

Semifinali: passano in otto, a casa in dieci

Una durissima semifinale a colpi di televoto

leggi... La scaletta della quarta serata

La grande occasione.

Anche il Festival di Sanremo 2006 sarà testimone di questa fine di stagione, quando faceva ancora freddo e la primavera si faceva aspettare più del solito.

leggi... Come sincronizzare il Festival di Sanremo sul XXI secolo

Chi vince il Festival?

Previsioni sulla Finale e consigli spiccioli per alzare l'ascolto della trasmissione

leggi... In ogni match c'è una storia

Essere una donna- la scheda Cosa vuol dir sono una donna ormai?

Gigliola 2000


Com'è straordinaria la vita- la scheda Con due anni di ritardo, ciò che non riuscì a Cinzia Corrado.

All'inferno e ritorno


Lei ha la notte- la scheda Come arrivare al grande pubblico e riempire i teatri.

Un cero a Sanremo


Tempesta- la scheda In anticamera da anni, approda all'Ariston da solista

Finalmente


Noi non possiamo cambiare- la scheda Ha l'età di Madonna. E' il chirurgo che è diverso.

Italian Style


Processo a me stessa- la scheda Si fa negare al preascolto, oscura il sito internet

L'ultima diva.


Vorrei avere il becco- la scheda Dopo l'uomo volante e l'angelo, il piccione. Tra i favoriti.

In punta di piedi


L'alfabeto degli amanti- la scheda Il ritorno dell'onesto cesellatore neomelodico.

Una vita da mediano


...Solo con te- la scheda Di tanto in tanto ripropone la stessa canzone

Chitarrista innamorato


(sf) Ron

L'uomo delle stelle- la scheda Torna al festival per un amico. E per la ricerca. E ci fa la sorpresa.

La buona causa.


Liberi di sognare- la scheda Dieci anni dopo, continua col suo inoffensivo grido

Il giovane ribelle


Sparirò- la scheda Ci aspettiamo un trito arembì, e Dirisio si mette al piano.

Il ritorno del mascellone


Dove si va- la scheda Era assente dal 1971 la band più longeva della storia.

Il complesso di 43 anni


Svegliarsi la mattina- la scheda E' la band del figlio di Mario Maffucci, non sono i Tiromancino

I raccomandati


Musica e speranza- la scheda Dalle banlieu parte un forte messaggio di riscatto sociale

Canta che ti passa!


Solo lei mi ha- la scheda Partono con i pezzi altrui, poi il successo

Piccole cover band crescono


Un altro posto nel mondo- la scheda Ritratto di uomo che, brevemente lusingato, fugge

Sono un pirata ed un signore


Un discorso in generale- la scheda C'è il duetto, c'è il quartetto d'archi, c'è Noa.

La regina di Saba


Sole negli occhi- la scheda Una rock ballad triste per il pasticciere di Orzinuovi

Quello che fa il Boss


Che bella gente- la scheda Tenta la consacrazione a Sanremo una delle sorprese del 2005

Il Caparezza innocuo


Di luna morirei- la scheda Veronica Ventavoli, Daniela Pedali, Manuela Zanier, Verdiana non hanno insegnato niente

Quella bellina


Irraggiungibile- la scheda Una cantante o un cartoon? Un palmo in più degli altri.

L'apostrofo Aura.


Preda Innocente- la scheda Il bravo cantante dell'Accademia, il solito pezzo di maniera

Quello con la cuffia


Un mondo senza parole- la scheda Gioca in casa, fa le superiori, l'ennesima Pausini dell'Accademia?

Laura di casa mia


Capirò Crescerai- la scheda Puntuale come le tasse, ritorna un Amico di Maria De Filippi

Castrocaro 2000


Con un gesto- la scheda Si è rasato per non confondersi con Cristicchi. Farà bella figura

Il Cantautore


Davvero- la scheda Boris, Riky Anelli, Claudio Fiori, Stefano Ligi non hanno insegnato niente

Quello bellino


Nel tuo mare- la scheda La prima volta di un Assolo maschile al Festival

Mare nero bollente


Non dimentico più- la scheda Il post rock intimista sbarca al Festival

Si ispirano, con giudizio



Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs2.5 License. INFORMATIVA nel rispetto della (a nostro parere insulsissima) Legge Italiana (c.d. Legge Urbani), venisse in mente a qualcuno di invocarla - Nel rispetto dell'art. 1, D.L. 72/2004, si avvisa che, in relazione all'utilizzazione del presente contributo, sono stati assolti tutti gli obblighi derivanti dalla l. n. 633/1941, la sua pubblicazione a titolo gratuito essendo autorizzata direttamente dall'autore. In ogni caso si avverte che la riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico dell'opera (si definisce come "opera" l'insieme degli articoli e delle raccolte dati presenti nel sito), in difetto di autorizzazione dell'autore, costituisce violazione della legge, perseguita, a seconda dei casi, con la reclusione fino a quattro anni e con la multa fino a 15'493,70 euro. Il presente avviso è apposto ai sensi e per gli effetti delle disposizioni contenute nell’art. 1, comma 1, della Legge 21 maggio 2004, n. 128, Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 22 marzo 2004, n. 72, recante interventi per contrastare la diffusione telematica abusiva di opere dell’ingegno, nonchè a sostegno delle attività cinematografiche e dello spettacolo, fino all’adozione del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, di concerto con il Ministro delle comunicazioni, ivi previsto. Ciò nonostante, l'autore espressamente autorizza la riproduzione, la diffusione e l'uso anche non personale dei contributi originali, con ogni mezzo e su qualsivoglia supporto. La presente informativa, visualizzata in caratteri di corpo non inferiore a quello del testo dell'opera (il colore se lo sono scordati), in calce alla stessa, è parte integrante ed inscindibile dell'opera e la sua rimozione o la riduzione del carattere saranno ad ogni effetto considerati come violazione dei diritti dell'autore e come tali perseguibili a norma di legge. Resta libera, a norma dell'art. 70 l. n. 633/1941, la citazione delle opere a scopo scientifico e la sua riproduzione, anche parziale, ad uso didattico, e potrei continuare dicendo anche delle parolacce, tanto questo elenco del c***zo non lo leggerà un c***zo di nessuno, cacca, piscio, pus e formaggella. I Masai! Là fuori ci sono i Masai incazzati e qui dentro tutti urlano. Ah, sito a carattere non periodico. Tiè.